SEI IN > VIVERE PISA > CRONACA
articolo

Scoperta valuta non dichiarata all'aeroporto di Pisa per circa 1,5 milioni di euro

2' di lettura
14

di Redazione


Il traffico dell’aeroporto “G. Galilei” di Pisa, nel secondo semestre del 2023, ha registrato il transito di oltre 5 milioni di viaggiatori, con un incremento del 7% rispetto al medesimo periodo del 2022, con l'apertura di nuove rotte mediorientali ed europee.

A ciò è corrisposto un maggiore impegno congiunto da parte dei militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Pisa e dei funzionari dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Pisa, in termini di interventi a salvaguardia delle normative doganali e valutarie.

In particolare, i controlli transfrontalieri hanno portato all’individuazione di valuta non dichiarata per un ammontare complessivo pari ad € 1.416.032,79.

Le attività ispettive valutarie nel secondo semestre del 2023 hanno permesso di sottoporre a sequestro amministrativo € 80.801,01 in denaro contante, nonché l’irrogazione di sanzioni amministrative per un ammontare pari a € 37.383,00.

I risultati raggiunti sono il frutto dell’analisi di rischio e delle tecniche investigative sviluppate dai militari della Guardia di Finanza e dai funzionari ADM, che hanno consentito di far emergere nuove rotte utilizzate per la movimentazione illecita di denaro e i principali metodi di occultamento per aggirare i controlli doganali. In genere, il denaro è stato rinvenuto all’interno del bagaglio a mano o direttamente sul passeggero. In alcuni casi, tuttavia, sono stati escogitati espedienti più originali quali l’occultamento delle banconote nella fodera del bagaglio o all’interno di capi d’abbigliamento.

Tra gli interventi di maggior rilievo è da segnalare il sequestro amministrativo di tredici lingotti d’oro per un valore complessivo di € 73.944,00 nei confronti di un viaggiatore di nazionalità albanese, in partenza dallo scalo pisano e diretto nel proprio Paese d’origine.

Il risultato conseguito è dimostrazione dell’efficacia del Protocollo di Intesa siglato fra ADM e Guardia di Finanza nel mese di aprile del 2023, documento che velocizza lo scambio di informazioni e agevola le attività di verifica congiunta fra le due Istituzioni presenti sul territorio volte a contrastare anche le violazioni derivanti da comportamenti illegittimi dei passeggeri.





Questo è un articolo pubblicato il 02-02-2024 alle 10:26 sul giornale del 03 febbraio 2024 - 14 letture